72Aussicht
0Bewertung

Sole, 860 km di costa e tanta buona cucina. La Puglia piace e convince sempre di più gli stranieri. Lo dimostrano i dati: ad aprile un 12% di arrivi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e il +31% di stranieri. "E' davvero un grande risultato - osserva l'assessore regionale Silvia Godelli - un dato che conferma la tendenza verso la crescita ininterrottamente determinatasi in Puglia nell'ultimo decennio". Le festività e i ponti hanno favorito il turismo nelle città d'arte, anche minori, e soprattutto tra i turisti repeaters (clientela fidelizzata), escursionisti e newcomers - il turismo en plein air, i riti della Settimana Santa da Bitonto a Terlizzi passando per Noicattaro e Giovinazzo e il balneare, nonostante la necessità di risparmio degli italiani confermi la tendenza a scegliere mete a corto raggio, per periodi brevi, con formule all inclusive e low cost. La Regione va incontro alle esigenze di tutti proponendo visite gratuite a musei e monumenti. Più stranieri più luxury: i dati provvisori dicono che il 6% circa degli stranieri ha soggiornato in una struttura 5 stelle e 5 lusso del territorio a fronte del 2% degli italiani. È sempre la Germania il primo mercato di riferimento per la Puglia (26% del totale stranieri) con più di 100mila arrivi e 640mila presenze. Seguono Svizzera (200mila), Francia (195mila) e Regno Unito (165mila).